Carissimi colleghi, di seguito potete leggere una comunicazione redatta dalle Commissioni Albo Odontoiatri delle Province Toscane. Vi chiedo di leggerla attentamente e di attenervi a queste indicazioni, fino a che non avremo quelle validate dall'ISS. In attesa di questo documento, che vi inoltreremo celermente, vi saluto con affetto.

Massimo Fagnani, presidente CAO Lucca

 A tutti i colleghi iscritti all'Albo Odontoiatri

Caro collega,

tutta la Professione sente urgente la necessità di riprendere la propria ordinaria attività negli studi odontoiatrici che, con senso di responsabilità tutti noi abbiamo  limitato alle sole urgenze indifferibili, contribuendo in maniera importante al contenimento della diffusione della malattia da Covid19

Tale esigenza appare giustificata non solo dai rilevanti problemi economici conseguenti all'arresto quasi completo delle attività odontoiatriche, ma soprattutto dalla preoccupazione circa il deterioramento della salute orale dei nostri pazienti che per troppo tempo sono stati privati di ogni terapia odontoiatrica. .
Fintanto che dal Ministero della Salute non perverranno validate le indicazioni in merito ai requisiti necessari per la “riapertura” (già consegnate dal Tavolo Tecnico Odontoiatrico) 


Riteniamo


che riprendere l’attività odontoiatrica ordinaria, senza avere noti ed applicati questi requisiti di prossima ed auspicata emanazione, possa configurare ipotetico profilo di  responsabilità  professionale  esponendo ad importante rischio  il collega che dovesse incorrere in controlli o contenziosi.

A conferma di quanto sopra, riportiamo uno stralcio del comunicato FNOMCeO n.91 a firma congiunta del presidente della FNOMCeO dottor Filippo Anelli e del presidente nazionale CAO dottor Raffaele Iandolo.

Con riferimento alla attività degli studi odontoiatrici, si ricorda che la CAO Nazionale ha istituito un tavolo di lavoro dedicato alla gestione della fase 2 che comprende tutte le componenti dell’odontoiatria ed esperti esterni. Entro pochi giorni, con l’auspicabile successiva validazione ministeriale, si proporranno alla professione odontoiatrica le misure per tornare alla piena attività con serenità e sicurezza. In caso di mancata attuazione di queste misure da parte dei colleghi è opportuno raccomandare di astenersi dal ripristino della normale attività operativa, nelle more di provvedere all’adozione delle stesse. La tutela della salute del paziente, dell’odontoiatra e del personale di studio è priorità assoluta....”.

Questo comunicato intende quindi riassumere  la preoccupazione, condivisa oggi da tutte le CAO provinciali Toscane, che una troppo frettolosa ripresa dell’attività odontoiatrica ordinaria, qualora non validata da indicazioni nazionali, possa essere foriera di future problematiche legali .

Auspichiamo che la comunicazione dei requisiti validi per tutta la Nazione sia rapidissimamente disponibile, e con ciò vi assicuriamo che sarà nostra premura trasferirla Immediatamente a tutti gli iscritti all’albo odontoiatri per una corretta osservanza di quanto previsto dalle indicazioni ministeriali in materia di ripresa dell’attività odontoiatrica ordinaria..

Vi invitiamo nel frattempo a volervi attivare per il rispetto degli adempimenti formali in materia di 81/08, per il reperimento di DPI necessari per la nostra attività e per la preparazione dei locali di lavoro.

Cordiali saluti,

i Presidenti Albo Odontoiatri delle province Toscane

Dott. Massimo Bernini (Si) -  Dott. Stefano Briganti (Pt) - Dott. Marco Cola (Li) - Dott. Massimo Fagnani (Lu)  - Dott.ssa Teresa Galoppi (Pi) - Dott. Giuseppe Magro (Po) - Dott. Alexander Peirano (Fi) - Dott. Giovacchino Raspini (Ar) - Dott. Corrado Stefani (Ms)  - Dott. Andrea Ulmi (Gr)

torna all'inizio del contenuto